Terre di Shemir: il fascino della storia, la seduzione del palato

shemir 2

Ci sono luoghi che parlano.

Luoghi che invitano ad essere esplorati non solo attraverso gli scenari naturali che incantano lo sguardo ma anche attraverso i sentieri del passato che raccontano la storia.

Uno di questi luoghi narranti è la Sicilia, terra di sole e di mare ma soprattutto isola. Isola corteggiata da viaggiatori e commercianti che per secoli hanno sfruttato le sue coste cercando approdo per i propri traffici economici.

Attraversando gli oliveti che si srotolano tra i dolci declivi attorno a Trapani e Marsala, è facile immaginare come Elleni, Fenici e Arabi fossero stati catturati dal fascino esuberante di questa fetta di Mediterraneo e avessero offerto al mite vento delle Egadi le vele delle proprie navi in cerca di fortuna. E così fu.

Perché la Sicilia era ed è terra dall’animo generoso.

Nel cuore di questa culla ricca di storia e di natura, esattamente in località Guarrato in provincia di Trapani, nasce l’Azienda Agricola Terre di Shemir di Creuso Lara. Il nome significa “Misil” in arabo, ossia “luogo”: luogo particolarmente vocato alla coltura della vite e dell’olio ma anche luogo destinato a continuare ad innamorare i moderni esploratori, attraverso gli scenari naturali che incantano lo sguardo e i sapori straordinari che seducono il palato.

Senza dimenticare la gente: perché dentro ogni singola goccia di profumatissimo olio extravergine o dentro un sorso di vino rosso rubino c’è tutta la passione di donne e uomini che hanno stretto una profonda alleanza con la Sicilia, lavorando la terra con rispetto e tutelando il valore dell’ambiente.

I vini Terre di Shemir

Pergiò

In versione bianco (Zibibbo e Grillo). Sentori di fiori bianchi, limoncella, melone giallo e note agrumate. Perfetto come aperitivo, ottimo con pesce crudo e primi piatti estivi.

In versione rosso (Nero d’Avola, Merlot 10%). Fine ed elegante, sfuma dai profumi di viola a quelli di ciliegia. Delizioso con carni bianche e rosse ma anche con fritture e formaggi freschi.

Haral (Grillo). Note di sambuco, mela verde, salvia e limoncella per esaltare piatti di pesce, risotti di mare, vitello tonnato.

Hasar (Nero d’Avola). Frutti rossi maturi e viola si mescolano piacevolmente al palato con cannella e chiodi di garofano per concludere con note fresche di resina. Un’armonia perfetta per accompagnare i piatti tradizionali siciliani, dalla pasta alla Norma alle busiate fino ai secondi di carne e pesce.

Erede (Zibibbo). Note di agrumi e papaya, pesca bianca e melone, glicine e gelsomino. Un ventaglio frutto-floreale ideale per antipasti di pesce e crostacei.

Fedire (Chardonnay). Il profumo di frutta bianca matura cede presto ai sentori floreali di macchia mediterranea con finale leggermente minerale. Si sposa con piatti di mare, couscous e formaggi pecorini.

Noeli (Sauvignon Blanc). Intrigante profumo di sambuco e anice con finale fresco di mela verde e chiusura di asparago. Chiede l’abbinamento con aperitivi importanti, pesce crudo, paste con pesci di mare e pesciolini fritti.

Elino (Merlot). Caldo, rotondo, con note di viola mammola, prugne e more, per chiudere con un finale di china e rabarbaro. Ideale sia con carne sia con pesce al cartoccio o alla brace viva, delizioso anche con formaggi di media stagionatura.

Ennaro

In versione bianco (Chardonnay, Viogner, Zibibbo, Traminer). Profumi di rosa, gelsomino e pera danzano con note di agrumi, glicine e limoncella. Allegro con piatti di pesce crudo e aperitivi.

In versione rosso (Tempranillo). Un’esplosione di fragola, ribes, gelso rosso e mirtillo. Elegante armonia perfetta con formaggi stagionati, carni rosse e brasato.

Paradiso di Lara (Nero d’Avola, Merlot). Fragranze floreali, ciliegie e gelso nero, con finale speziato di cannella e pepe nero con note di liquirizia e mandorla. Da abbinare con carni rosse e formaggi stagionati.

Selvaggio rosso (Nero d’Avola, Shiraz, Petit Verdot). L’impatto speziato di pepe nero e cannella sfuma in note di tabacco dolce e pipa ingentilite dall’eleganza di frutta matura e dal finale balsamico. Ama carni arrostire e brasate e non disegna i formaggi duri stagionati.

Trappitu: l’Olio Terre di Shemir

Fruttato delicato (Biancolilla, Cerasuola). Dolce e gentile, con fragranze verdi di pomodoro e fruttate di banana. Ideale con pesce crudo e bollito, piatti delicati e verdure.

Fruttato intenso (Nocellara del Belice, Cerasuola, Biancolilla). Personalità decisa dai marcati richiami di carciofo. Gusto tipico degli oli tratti da olive colte a maturazione non ancora completa. Si sposa con verdure, carni rosse, tonno, spada e intingoli robusti.

Conserve di tonno, sgombro e caponate completano il ventaglio di sapori Terre di Shemir, un assaggio di Sicilia impossibile da dimenticare.

www.terredishemir.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...