Miele bollente

Il bello di lui è che non c’è mai.
O quasi. Così posso immaginarlo come voglio.
Un abbaglio nel deserto, un incendio nella notte, un’esplosione nell’acqua.
O semplicemente un pensiero.
Un’illusione.
Un miraggio.
Un desiderio che compare come la luna nel buio e si versa come miele bollente nella testa, nel cuore, nelle vene.
Veleno e medicina, frusta e carezza, ardore e timore.
Il bello di lui è che non c’è mai.
O quasi.
Il brutto è che lo immagino sempre.
E mi manca sempre.Miele bollente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...