Il Satiro e la luna blu


E’ un filo invisibile quello che tesse le nostre vite. Cuce una rete di serendipici incontri, che possono talvolta nascere anche da un libro.
Leggendo “Il satiro e la luna blu” (Moretti & Vitali) è facile entrare in magico contatto con l’autrice. Carla Stroppa – psicoanalista junghiana, autrice di numerosi saggi e del libro “La luce oltre la porta” – utilizza un linguaggio dell’anima, poetico e lunare, che corteggia quel sentiero mito-logico caro ai poeti e ai fanciulli. Con passione e sorveglianza, approfondisce il tema dell’analisi e della relazione transferale, quell’alchemico rapporto che intreccia analista e paziente in un reciproco contagio psichico. Il lettore è preso per mano e accompagnato dietro le quinte della psiche, per scoprire il meraviglioso teatro dell’Anima fatto di sogni, di miti e di archetipi.
Il libro è dedicato ad Alma, una giovane donna, che al contempo rappresenta la condizione esistenziale di tutte le donne alla ricerca di se stesse. “Sto male, sto molto male dottoressa ma non so da che parte cominciare, non so come parlarne.” Così, con gli occhi colmi, Alma bussa alla porta della speranza. Senza orizzonti, si presenta piena di sogni che echeggiano un vissuto costellato di vuoti e delusioni. Orfana di affetti autentici e di specchi fedeli in cui ritrovarsi, Alma è tuttavia una donna intelligente, lirica, dal cuore immaginativo. Sarà proprio il suo cuore visionario a permetterle di rinascere come donna e come artista, grazie all’aiuto dell’amore e del rigore transferale.
Non potrebbe, dunque, essere ognuno di noi, Alma? Tutti abbiamo un’Anima e in ognuna zampilla qualche goccia di lirismo, magari celato per timidezza o incredulità, eppure c’è ed è linfa vitale. Individuare il proprio posto nella scena del mondo può diventare il problema di tutta un’esistenza, soprattutto oggi, in cui oltre ad essere spesso orfani d’affetti lo si è anche di ideali e di obiettivi. L’analisi serve anche a questo. Il problema è che l’Anima sorge sempre dietro l’Ombra e per incontrarla occorre varcare quella soglia oscura e spingersi sino al punto in cui essa lascia trasparire una luce inedita. Occorre affrontare il Satiro, il briccone malandrino, non per scacciarlo ma per conoscerlo e sposarlo. Carla Stroppa ci invita a guardare negli occhi il Satiro senza vacillare, per avvicinarci alla Luna. Luna che è blu, il colore che separa il nero della depressione dal bianco della rinascita,come scrive Hillman. Per ciascuno, il percorso coincide con la riscoperta degli dei e delle dee di cui è figlio. Non ci si può trasformare in qualcuno che non si è. Si può, tuttavia, diventare se, aprendosi alla visione della Luce oltre la porta chiusa dell’Io meramente razionale. Solo attraverso questa ricomposizione psichica, l’Anima personale può trascendere se stessa per ricongiungersi all’Anima mundi, quella dimensione grandiosa che restituisce a ognuno il proprio spazio nel mondo.

Leggendo Il Satiro e la Luna blu, entrerete in un mondo magico ma reale. Non abbiate timore di scivolare dentro voi stessi. Affrontate con candido stupore questo viaggio solitario per scoprire quant’è veritiero il linguaggio dei sogni. E non sorprendetevi se sentirete d’un tratto una voce nel cuore: potrebbe essere il fanciullo che c’è in voi, da tempo addormentato nei silenziosi abissi della vostra Anima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...